o / O

o   sf/m

o

AD   diz.uso


1. (tredicesima lettera dell’alfabeto italiano) o / O f, sa o: quattordicesima lettera dell’alfabeto sardo; può esprimere due suoni vocalici  ed è presente all’inizio e in corpo di parola in derivazione da -O- latina sia breve che lunga (ora, noti, fogu); in fine di parola non compare mai salvo in pochissime parole tronche (ajò, girò); i due fonemi vocalici espressi sono il posteriore semichiuso arrotondato (in caratteri IPA [o]) e il posteriore semiaperto arrotondato (in caratteri IPA [ɔ]), la cui presenza alternativa è determinata semplicemente dal fenomeno della metafonesi: il primo ricorre quando la vocale finale etimologica della parola è chiusa (I, U: boci, ollu), il secondo quando la vocale finale etimologica è aperta (A, E, O, ma quindi anche I, U quando queste ultime sono espressione della chiusura di E, O originarie: folla, forti, follus).

Chi bolis, fait a ponni unu cumentu

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...